Home

Lamine d'oro orfiche

Edizione bilingue, greca e italiana.

Raccolta di undici invocazioni trovate incise su lamine d’oro e risalenti al V-III secolo a.C.

Maggiori dettagli

100,00 €

Stampa
  • Nuovo

Introduzione e traduzione di Angelo Tonelli.

Raccolta di undici invocazioni trovate incise su lamine d’oro e risalenti al V-III secolo a.C., destinate agli iniziati del culto orfico allo scopo di accedere, dopo la morte, all’esperienza suprema dell’identificazione con l’Uno-Tutto.

«Tonelli – in questo momento il miglior traduttore dal greco che io conosca – rende per Tallone Editore la forza di Orfeo e soprattutto di quei culti straordinari che consentivano di conoscere quello che prima non si sapeva, attraverso illuminazioni successive; Tonelli in questa sua traduzione prende noi tutti per mano e andando da verso in verso, da parola in parola, ci porta verso questa apertura, questo scardinamento del cuore, questa entrata in un mondo altro, potente e nello stesso tempo assolutamente leggiadro» (Gabriele La Porta, Rai Unomattina, 21 febbraio 2013).

Volume nel formato 16° di 70 pagine composte a mano con i tipi greci corsivi in corpo 6 tratti da matrici incise nel XIX secolo, e con i tipi Garaldus tondi e corsivi in corpo 6 fusi dalla Nebiolo. Sono stati scelti caratteri di dimensione contenuta, capolavoro di cesellatura, in omaggio al sommo Bodoni di cui ricorre nel 2013 il bicentenario, il quale si cimentò, oltre che nei solenni in folio, anche nella stampa di capolavori in piccolo formato.

Il volume è inserito in un doppio cofanetto rigido realizzato a mano su misura, rivestito esternamente con carta Ingres e recante sul dorso il titolo impresso tipograficamente.

Tiratura limitata di 77 esemplari su carta Magnani al tino crème.

Questo è un esemplare della tiratura maggiore.

Sono inoltre stati impressi 45 esemplari su carte provenienti dall’Europa e dall’Asia (immagini e prezzi su richiesta).

  • Dimensioni (cm) 11x18
  • Caratteri Composto a mano con i tipi greci incisi a mano su punzone d’acciaio e fusi nell’Ottocento a Parigi dalla Deberny, e con i tipi Garaldus tondi e corsivi in corpo 6 fusi a torino dalla Nebiolo.
  • Carta Carta al tino crème Magnani di Pescia
  • Numero di pagine 70
  • Tiratura (n° di copie totali) 77
  • Peso (kg) 1,0