A discussion about printing - Anton F. Doni

150,00 €

Tiratura limitata di 250 esemplari numerati composti a mano in caratteri mobili, lettera per lettera.
Edizione bilingue. 

Ambientato a cavallo tra Quattro e Cinquecento, quando la stampa a caratteri mobili si stava rapidamente diffondendo, il Dialogo contrappone fautori e detrattori del libro tipografico, in contrasto con il libro manoscritto. 

I ragionamenti esposti in questo dialogo sono assai simili oggi, quando si discute di carta stampata in contrapposizione all’informazione elettronica, che promette di poter fare a meno della carta. I contenuti del dibattito sono gli stessi: bellezza estetica, gusto e, perché no, nostalgia contro praticità, convenienza economica, diffusione, mercato.

Quantità

  Confezione regalo gratuita e messaggio personalizzato selezionabili al checkout (*)

(*) non comportano costi aggiuntivi

 

Spese di spedizione calcolate nella fase di acquisto successiva

Ragionamento della Stampa fatto ai Marmi di Firenze (titolo originale italiano) 

Sono stati tirate 250 copie numerate su carta di cotone Magnani di Pescia. 

Tre amici seduti sulla scalinata in marmo del Duomo di Firenze discutono sul valore della stampa rispetto al manoscritto. 

«Il Ragionamento della Stampa risalta per la viva attualità, poiché la storia, ha voluto che dopo cinque secoli si riproponesse quella contrapposizione di idee (ragionamenti appunti) che sempre accompagnando le grandi rivoluzioni tecnologiche. E dunque le discussioni in questo dialogo sul valore della stampa rispetto al manoscritto, sono quelle che ci ritroviamo oggi, quando si discute di carta stampata, del libro come abbiamo imparato a conoscerlo, e dell’informazione elettronica, che ci promette di poter fare a meno della carta: notizie e giornali on-line, libri digitali, etc. I contenuti del dibattito sono in fondo gli stessi. Bellezza estetica, gusto e, perché no, nostalgia contro praticità, convenienza economica, diffusione, mercato» (dalla Nota al testo di Livio Ambrogio)

***

Traduzione in inglese di David Brancaleone, seguita dal testo in italiano tratto dall’edizione originale veneziana del 1552-53. 

Introduzione di Nicholas Poole-Wilson e di Livio Ambrogio.

Un volume nel formato 8° (cm 25x17) di 92 pagine composte a mano con i caratteri tratti dai punzoni settecenteschi incisi a mano da William Caslon.

Il volume è inserito in un doppio cofanetto rigido realizzato a mano su misura, rivestito esternamente con carta Ingres e recante sul dorso il titolo impresso tipograficamente. 

Questo è un esemplare della tiratura maggiore. Inoltre sono stati impressi alcuni esemplari numerati su carte esotiche e inglesi (prezzi e dettagli su richiesta).

***
La composizione a mano rende questa edizione un
primato nell’editoria contemporanea.

Impresso su carte artigianali a lunga conservazione e cucito a mano per durare nel tempo, questo libro da collezione è il regalo raffinato per eccellenza e consente la migliore esperienza di lettura possibile. 

È allestito nella più antica stamperia al mondo in funzione, dove tradizione e ricerca continua nell’ambito dell’estetica editoriale si fondono per dare a ogni titolo un design originale, mai ripetuto in collane standard.

L’editore non impiega i rapidi sistemi di composizione a tastiera monotype e linotype, spesso confusi con la tipografia manuale. Egualmente non usa composizioni digitali trasferite su matrici di plastica (fotopolimero).

Scheda tecnica

Dimensioni (cm)
cm 25x17
Numero di pagine
92
Peso (kg)
1